Hai bisogno di aiuto?
Numero verde: 800-875-475
Servizio Hotline: Lun-Ven dalle 10:00 alle 16:00

ESTA -­ Disposizioni più rigorose per i viaggiatori possessori della doppia cittadinanza degli stati Iran, Iraq, Sudan e Siria

I viaggiatori che possiedono la doppia cittadinanza degli stati Iraq, Iran, Sudan e Siria non potranno più viaggiare negli Stati Uniti mediante l’applicazione ESTA.

Il 18/12/2015 il Congresso degli Stati Uniti d’America ha apportato alcuni cambiamenti considerevoli nell’ambito del programma dei viaggi senza visto Visa Waiver Program. I cittadini che dopo il 01/03/2011 hanno soggiornato in Iran, Iraq, Sudan, Siria o che possiedono la doppia cittadinanza di uno di questi paesi, non potranno più usufruire dei vantaggi del programma Visa Waiver.

Nell’attuale comunicazione, si informa che questa norma entrerà in vigore “nelle prossime settimane / o entro la fine di gennaio”. Tuttavia possiamo affermare con certezza che le autorità responsabili dei controlli aereoportuali, operano già in conformità alla norma sopradescritta, dal momento che diverse applicazioni ESTA contenenti informazioni riguardanti i passaporti dei paesi sopra elencati, sono state prontamente declinate.

Per questo motivo, anche le applicazioni ESTA autorizzate, in cui compaiono informazioni riguardanti la doppia cittadinanza di uno di questi paesi, sono da considerarsi nulle.

Per poter viaggiare negli Stati Uniti (USA), i viaggiatori direttamente coinvolti dovranno quindi rivolgersi al consolato statunitense più vicino e richiedere il visto turistico.
Se si rientra in questo gruppo di persone, e si sta pianificando un viaggio negli USA, sarà necessario contattare l’ambasciata degli Stati Uniti. Si consiglia di rivolgersi all’ente statunitense tempestivamente in modo tale che possano rilasciare puntualmente il visto e che quindi si possa viaggiare negli USA come progettato.

In queste circostanze è necessario che tutti i viaggiatori considerino attentamente le norme di salvaguardia. Infatti a causa dell’aumento delle misure di sicurezza, le autorità statunitensi effettuano controlli aereoportuali più severi e approfonditi, che impiegano conseguentemente molto più tempo. Suggeriamo quindi ai viaggiatori diretti negli USA di presentarsi in aeroporto almeno 3 ore prima della partenza. Inoltre è raccomandabile informarsi sugli articoli consentiti nei bagagli a mano e trasportabili negli USA, cosicché non si creino rallentamenti e ritardi.

Dal momento che gli attentatori protagonisti degli attacchi di Parigi possedevano passaporti europei, è stata introdotta questa ulteriore norma di sicurezza. Questa infatti impedisce a possibili criminali di spostarsi negli Stati Uniti mediante il programma di viaggio senza il visto Visa Waiver. Inoltre permette di identificare possibili simpatizzanti del gruppo terroristico ISIS, dato che questi si recano spesso nelle zone di combattimento di Iran, Iraq, Siria e Sudan.

Questa direttiva potrebbe essere solo la prima di molti altri cambiamenti che potranno condurre ad una intensificazione dei controlli e alla restrizione della libera circolazione. Inoltre anche le autorità europee esaminano i cittadini statunitensi che soggiornano in Europa mediante il programma di viaggi senza visto.

La tendenza lascia intendere ad una netta riduzione della libera circolazione a causa della crescente minaccia terroristica.